Municipio

Sede comunale di Montemarciano

Municipio

Descrizione

La zona di Marina di Montemarciano fu certamente sede di insediamento romano, come testimoniato da recenti rinvenimenti: forse una "mutatio" o stazione di cambio lungo la via costiera. Lungo la statale 16, il Mandracchio risalente al 1400, rimane ancora come testimonianza dell'antica stazione di posta. Nel Medioevo, Montemarciano e Cassiano erano sedi di castello, e nel XV e XVI secolo il castello di Montemarciano fu "Vicariato" dei Malatesta e dei Piccolomini, feudatari in nome della chiesa e di questa epoca rimangono gli antichi statuti, preziose testimonianze degli usi e costumi del tempo. Dopo il breve ducato di Ercole Sfrondati (1591-1593) il paese tornò in dominio diretto dello stato ecclesiastico, affidato al governo della camera apostolica fino all'annessione al regno d'Italia.

Caratteri del paesaggio e notizie varie

Il comune di Montemarciano - provincia di Ancona - si trova a nord della foce dell'Esino.Il territorio è formato in prevalenza da una dolce collina affacciata sul mare, seguita da altre colline di seconda e terza schiera. Ad est si gode una vista del golfo di Ancona, in lontananza il profilo del Conero, a sud quella dell'Appennino, con tipico profilo del Monte San Vicino in primo piano. Lungo e nei pressi della fascia litoranea si sono realizzati vari insediamenti turistico-residenziali (Marcianella, Marina Verde, Gelso) che sono la diretta espansione della popolosa frazione di Marina di Montemarciano. L'urbanizzazione ha altresi' interessato, soprattutto, negli ultimi anni, anche i centri interni, a cominciare dal capoluogo e dalle frazioni di Cassiano-Grugnaleto e Gabella. Montemarciano è al centro del triangolo formato dai tre principali comuni della provincia: Ancona (da cui dista circa 20 Km.), Senigallia (da cui dista circa 13 Km.) e Jesi (da cui dista circa 16 Km.) L'aereoporto nazionale "R. Sanzio" dista circa 6 Km, cosi' come il casello autostradale "Ancona Nord". Il Comune di Montemarciano è "Comune d'Europa". E' gemellato con le citta' di Quincy-Sous-Sènart(francia) e Sinj (Croazia) ed è stato insignitodei seguenti riconoscimentio da parte della Commissione europea: anno 1989: diploma d'onore europeo anno 1994: bandiera d'onore europea. Fa parte della conferenza dei comuni gemellati della regione Marche e della regione Ille-de-France. E' stato dichiarato, dal consiglio comunale "Comune denuclearizzato".

Elementi di interesse storico-artistico-paesaggistico

Dopo la distruzione della Rocca nel 1578, il centro storico ha assunto elementi monumentali del '700 e '800. Tra questi la Collegiata Chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo, discreto esempio di settecento romano, costruita su progetto dell’arch. Carlo Marchionni. All’interno, sopra il coro ligneo dell’altare maggiore, la tela di Santa Maria della Misericordia, opera cinquecentesca della scuola dei Barocci che in precedenza ornava la cappella interna del castello Piccolomini: una statua lignea cinquecentesca della Beata Vergine del S.S. Rosario e altre tele del XVI-XVII secolo. Poco lontano la chiesa del S.S. Sacramento edificata nel XVII secolo su una precedente chiesa cinquecentesca: all’interno l’affresco dell’Immacolata e Crocifisso ligneo entrambi cinquecenteschi. In località Alberici sorge l’antico Santuario di Nostra Signora dei Lumi (anno 1596) oggetto di notevole venerazione. E’ meta di numerosi pellegrinaggi tra i quali si ricorda quello secolare, a ricorrenza annuale, della frazione Montagnolo di Ancona (III° domenica di maggio). Di rilevante pregio storico-architettonico anche la piccola chiesa rurale di Santa Veneranda (Sec. XVIII) e la chiesa di S. Maria delle Grazie (nel Capoluogo.Sec. XVII) con all’interno un affresco quattrocentesco raffigurante la Madonna col Bambino. Nel comune di Montemarciano è stata realizzata una vasta rete di percorsi agroturistici che attraversano il territorio in un costante e suggestivo contatto con la natura, per poi integrarsi con identici percorsi realizzati negli altri comuni vicini. Montemarciano è anche un comune a vocazione turistica potendo disporre di circa 5 chilometri di spiaggia notevolmente attrezzata, anche se da un paio di decenni è in atto un violento fenomeno erosivo che ne ha trasformato la conformazione. Tale spiaggia è meta, ogni anno, di decine di migliaia di turisti "pendolari" provenienti dai comuni dell’interno, fino all’Umbria, mentre si popolano e si vitalizzano i vari villaggi turistici della zona.

Modalità di accesso

Si accede alla struttura dal portone principale sito in via Umberto I, n.20.

Come arrivare

Via Umberto I, 20

Mappa.

Costi

L’accesso al municipio è gratuito.

Orario per il pubblico

Consultare le schede dei singoli uffici per ricevere informazioni in merito agli orari di apertura.

N.B.: Gli uffici resteranno chiusi nella giornata del 2 Maggio.

Luoghi collegati

Via G.B. Marotti, 16

Sede distaccata del Municipio

Ultimo aggiornamento: 14-06-2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 150 caratteri